Intervista al collaboratore Jonathan CAILLOUX: Responsabile di progetto R&S

27 Novembre 2023
Leggete l’avvincente intervista a Jonathan Cailloux, appassionato ricercatore e Project Manager di R&S presso Tricoflex!

Jonathan, project manager di R&S e ricercatore incallito, ci racconta la sua carriera di dottorando in ingegneria delle materie plastiche.

PUÒ DIRCI QUALCOSA DI PIÙ SUL SUO PERCORSO FORMATIVO E PROFESSIONALE?

Mi sono laureata alla Scuola Europea di Ingegneria dei Materiali di Nancy (EEIGM). Durante i miei studi, ho avuto la possibilità di studiare e svolgere stage in diversi Paesi europei, come Inghilterra, Svezia, Germania e infine Spagna.

Oltre al diploma di ingegneria, ho conseguito anche un Master europeo in ingegneria dei materiali. Questa formazione mi ha aperto le porte a un dottorato di ricerca presso l’Università Politecnica della Catalogna a Barcellona, dove ho lavorato sull’applicazione del processo di estrusione reattiva alle plastiche biobased e biodegradabili.

Dopo aver completato la tesi nel 2016, ho lavorato come cluster manager per l’estrusione e la caratterizzazione dei materiali in un centro tecnologico in Spagna. Le mie responsabilità comprendevano progetti di R&S del settore pubblico e privato, la gestione dei progetti e la divulgazione dei risultati. Ho anche lavorato come formatore per aziende industriali del settore delle materie plastiche.

Dopo sei anni, ho sentito il bisogno di una maggiore varietà nel mio lavoro, ho fatto domanda per un lavoro nell’industria e ho avuto la possibilità di entrare in Tricoflex.

PUÒ SPIEGARE IN COSA CONSISTE IL SUO LAVORO?

Il mio ruolo di project manager di R&S in Tricoflex copre diverse aree interessanti:

  • Compiti nel campo della ricerca e dell’innovazione: eseguo studi di fattibilità e perizie che portano allo sviluppo di nuovi prodotti e/o all’introduzione di nuove tecnologie.
  • Compiti nel campo dello sviluppo di nuovi tubi: in collaborazione con i team commerciali e tecnici, sono coinvolto nella creazione di specifiche funzionali per i nuovi tubi, garantendo il triangolo qualità, costi e scadenze.
  • Compiti di monitoraggio della tecnologia e della concorrenza in termini di materiali, metodi di lavorazione, brevetti dei concorrenti e normative applicabili.
  • Gestione dei progetti, rendendo il più preciso possibile il monitoraggio dei principali costi sostenuti.
  • Compiti di formazione: Recentemente ho iniziato a formare i nostri team di vendita (nazionali e internazionali) sulla formazione dei prodotti.

PERCHÉ HA SCELTO QUESTO CORSO DI LAUREA?

La decisione di scegliere ingegneria delle materie plastiche è nata naturalmente dal mio background accademico. Come project manager per la ricerca e lo sviluppo, ho scelto questo percorso perché mi permette di lavorare ogni giorno in attività diverse, scoprire cose nuove e soddisfare la mia curiosità e creatività.

NEL SUO LAVORO DEVE VIAGGIARE SPESSO?

Viaggiare (a livello nazionale e internazionale) è una parte essenziale del mio lavoro. È necessario visitare i clienti per capire le loro esigenze, partecipare a fiere internazionali e coworking per tenersi aggiornati e visitare i colleghi del Gruppo EXEL in Francia e all’estero.

LAVORA CON ALTRI TEAM?

Collaboro con diversi dipartimenti delle varie divisioni. Per ogni progetto creiamo un team multidisciplinare diverso. Lavoriamo a stretto contatto con l’ingegnere prototipista assegnato al nostro reparto e occasionalmente mobilitiamo risorse aggiuntive da diversi reparti per i test (pre)industriali.

IN QUALE MOMENTO VIENE COINVOLTO IN UN PROGETTO?

Il mio coinvolgimento in un progetto inizia già nella fase di definizione delle specifiche. In collaborazione con il team marketing e vendite, valutiamo le esigenze, definiamo le specifiche, identifichiamo gli ostacoli tecnologici e infine pianifichiamo come procedere. Anche la definizione delle risorse necessarie è fondamentale, perché verranno utilizzate in modo selettivo nel corso dei nostri progetti.

COME SI ORGANIZZA UN PROJECT MANAGER DI R&S PER GESTIRE LE PRIORITÀ?

Come project manager di R&S, bisogna tenere presente che siamo lì per offrire ai clienti una soluzione per i prodotti che non produciamo ancora.

a priorità viene quindi data alle richieste del team di vendita, in modo da poter rispondere il più rapidamente possibile a un problema dei nostri clienti attuali o futuri. Poi vengono i progetti a lungo termine, dove gli ostacoli tecnologici richiedono più tempo e sono più complicati da risolvere.

QUALI SONO LE COMPETENZE E LE QUALITÀ NECESSARIE PER AVERE SUCCESSO NELLA SUA POSIZIONE?

Per avere successo nella mia posizione, è importante mantenere una mentalità pragmatica, un’organizzazione rigorosa, calma e creatività. La calma è essenziale, perché lo stress ostacola la creatività.

Per quanto riguarda le competenze, una solida conoscenza della lavorazione delle materie plastiche è essenziale, ma non è l’unico requisito. Anche la capacità di suggerire è un grande vantaggio, così come una buona capacità di adattarsi ai cambiamenti per affrontare i vari problemi che si possono incontrare nella gestione dei progetti.

DA QUANTO TEMPO LAVORA IN TRICOFLEX E COSA LE PIACE DELL’AZIENDA?

Lavoro in Tricoflex dal 2021. Ciò che caratterizza questa azienda è la sua dimensione umana, che si traduce in processi meno macchinosi rispetto alle multinazionali. Conosco la maggior parte dei miei colleghi e so a chi posso rivolgermi in caso di bisogno. Apprezzo in particolare la serenità e l’autonomia di cui dispongo, nonché l’organizzazione della nostra nuova direzione R&D. Anche la buona atmosfera di lavoro all’interno e tra i diversi team è un punto a favore di questa azienda.

PUÒ DIRCI QUALCOSA DI PIÙ SULLE SFIDE CHE DEVE AFFRONTARE NEL SUO LAVORO?

Tra i vari compiti, il reparto R&S è responsabile dell’introduzione di nuove idee e/o nuovi processi produttivi per risolvere gli ostacoli tecnologici della nostra fabbrica.

Poiché ogni problema è unico, spesso dobbiamo partire da zero e mettere in discussione una serie di elementi noti.

Tuttavia, direi che la sfida più grande nel mio ruolo è staccarsi da ciò che facciamo attualmente e cercare di sviluppare qualcosa di innovativo e nuovo che possa distinguerci dalla concorrenza.

QUALI CONSIGLI DAREBBE A CHI VUOLE DIVENTARE PROJECT MANAGER IN RICERCA E SVILUPPO?

Non limitare la propria creatività e rimanere strutturati e organizzati, perché la posizione di “project manager di R&S” implica anche la gestione di più progetti contemporaneamente.

SE DOVESSE ELIMINARE UN ELEMENTO DALLA SUA VITA QUOTIDIANA, QUALE SAREBBE?

Sceglierei di eliminare gli spostamenti quotidiani in auto e di usare i mezzi pubblici, in modo da risparmiare energia e usare quel tempo come pausa.

Ha qualche passione al di fuori di Tricoflex?

Al di fuori di Tricoflex, mi piace andare in barca a vela (per fortuna abbiamo uno dei più grandi laghi artificiali della Francia metropolitana vicino a casa nostra!) Mi dedico anche a lavori di ristrutturazione e costruzione.